pennetta vince lo slam di new york

Pennetta storica a New York

Primo successo slam per Flavia Pennetta sul cemento di Flushing Meadows, la prima volta per una italiana agli US Open in una finale tutta italiana senza precedenti nella storia.

La tennista brindisina batte in finale Roberta Vinci dopo un torneo perfetto, questi gli incontri che l’hanno portata alla conquista del titolo:

1o turno, Pennetta b. Jarmila Gajodosova (AUS) 6-3 3-6 6-1
2o turno, Pennetta b. Monica Niculescu (ROU) 6-1 6-4
3o turno, Pennetta b. Petra Cetkovska (CZE) 1-6 6-1 6-4
ottavi, Pennetta b. Samantha Stosur (AUS) 6-4 6-4
quarti, Pennetta b. Petra Kvitova (CZE) 4-6 6-4 6-2
semifinale, Pennetta b. Simona Halep (ROU) 6-1 6-3
finale, Pennetta b. Roberta Vinci (ITA) 76 62

Curiosamente Pennetta ha battuto 2 tenniste australiane, 2 romene e 2 ceche prima di imporsi su una tennista italiana. Curiosamente sul cammino di Pennetta troviamo Stam Stosur, l’australiana era anche nel cammino di Schiavone quando vinse lo slam di Parigi.

Grazie Robertina!

premiazione us open italiane vinci e pennetta

Torneo eccellente anche per Robertina Vinci che in semifinale elimina la n.1 Serena Williams, negandole la possibilità di fare il Grande slam, in una partita entusiasmante. In finale Robertina, probabilmente “appagata” per le conseguenze di aver battuto Serena, si è presentata poco lucida e scarica di energie. C’è da dire che Pennetta ha giocato così bene per tutto il torneo che, in quello stato di grazia, avrebbe potuto battere anche la Williams, con cui non ha mai vinto.

A sorpresa Flavia ha annunciato il suo ritiro dal tennis durante la premiazione del torneo, dimostrando una volta di più la sua intelligenza come persona… a differenza di tante colleghe!

Il successo di New York spalanca (finalmente e meritatamente!) a Flavia le porte finora chiuse della top ten: per la prima volta in carriera sale alla posizione n.8 del ranking.

Ultimo aggiornamento:
Hai trovato utile questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *